I vantaggi di una casa in classe energetica A

Ecosostenibilità

Parlare di investimento immobiliare significa impiegare i propri risparmi in immobili che offrono la possibilità di accrescere il capitale investito nel tempo. Questa definizione, tuttavia, si riferisce soprattutto all’acquisto di immobili non considerati come “prima casa”.

Con i redditi che si riducono a causa della crisi economica e dell’aumento delle tasse bisognerebbe parlare di investimento in riferimento alla propria casa e alle spese mensili per il suo uso quotidiano. Sarebbe necessario, dunque, che gli acquirenti prendano in considerazione consumi e sprechi energetici.

Valutare la virtuosità di una casa, analizzando i consumi, sarà più semplice con l’introduzione dell’obbligo della certificazione energetica, da allegare per il rogito, e con l’indicazione della classe energetica che deve essere riportato su ogni annuncio immobiliare.

Tali obblighi sono stabiliti dai decreti emanati in attuazione delle direttive europee 2002/91/CE (relativa al rendimento energetico nell’edilizia) e 2009/CE (sulla promozione delle fonti rinnovabili).

Come per gli elettrodomestici, gli immobili, dunque, saranno inseriti in una classe energetica che varia dalla A+ (edifici a bassissimo consumo energetico) alla G (edifici ad alto consumo).

Le caratteristiche principali delle case virtuose (classe energetica A) sono:

  • Super isolamento (coibentazione);
  • Riscaldamento integrato con ventilazione meccanica controllata;
  • Recupero del calore

I prezzi delle abitazioni, purtroppo, tendono ad aumentare con la riduzione dei consumi. ma si osservano risparmi sulle bollette ed elevato confort abitativo.

Secondo il dossier di Lagambiente “TUTTI IN CLASSE A”, vivere in una casa virtuosa può portare ad un risparmio tra i 200 e i 500 euro l’anno a famiglia sulle spese per il riscaldamento e il condizionamento, rispetto ai 1500-2000 stimati per le case tradizionali.

Infatti, se per riscaldare un edificio di classe E sono necessari oltre 120 kWh/mq anno, per una casa in classe A ne bastano circa 30 kWh/mq anno: quattro volte in meno, con una significativa riduzione delle emissioni di CO2.

I vantaggi non sono solo di natura economica infatti, l’isolamento e il ricambio dell’aria interna rendono il clima dell’ambiente interno confortevole eliminando, anche, elementi allergici come pollini o polveri.

Analizzando costi e benefici legati alle abitazioni di classe A, i futuri aumenti dell’energia da fonti non rinnovabili e l’inflazione gli esperti, sicuramente, osservano un risparmio ma si è comunque liberi di scegliere.

Lascia un commento