Mercato immobiliare, nel 2013 la svolta

Mercato Immobiliare

Il mercato immobiliare italiano sta vivendo una fase negativa ma, secondo una ricerca presentata da Scenari Immobiliari, il 2013 potrebbe essere l’anno di svolta. I ricercatori, inoltre, affermano che nel 2020 il settore immobiliare dovrebbe fatturare circa 180 miliardi di euro, facendo registrare, quindi, un incremento pari al 62% rispetto ai valori di fine 2011.

settore-immobiliareA causa dei cambiamenti dei trend demografici, a guidare la crescita del mercato immobiliare sarà il settore residenziale. Si registrerà infatti, una forte crescita della domanda di immobili “specializzati” per gli anziani e di abitazioni a basso costo per le fasce deboli della popolazione (immigrati, studenti e giovani coppie).

Secondo i risultati dell’indagine, inoltre, ci sarà un graduale ritorno verso il centro delle città, che comporterà un graduale aumento di ristrutturazioni. Gli interventi che saranno effettuati puntando alla qualità dei materiali e al risparmio energetico, permetteranno l’incremento dei prezzi di vendita.

Nella fascia di lusso, invece, saranno richiesti immobili efficienti, flessibili, sostenibili e ad elevato contenuto tecnologico. Sempre secondo la ricerca di Scenari Immobiliari, lo sviluppo del settore delle costruzioni sarà più lento rispetto alla media europea e, nel 2020, il valore delle costruzioni sarà al dodicesimo posto del ranking mondiale, rispetto al settimo posto del 2010.

In generale, l’acquisto deve essere visto come investimento immobiliare, soprattutto dovrebbero essere un modo per proteggere previdenza e pensioni. A conferma di ciò, la ricerca, prevede che il patrimonio detenuto tra le diverse forme di fondi immobiliari, nel 2020, supererà i 70 miliardi di euro, con un forte apporto del settore pubblico.

Lascia un commento