Prezzi in diminuzione per il mercato immobiliare turistico

Comprare Casa

La casa resta un desiderio prioritario degli italiani anche in un periodo difficile come quello che stiamo vivendo negli ultimi mesi, caratterizzati da un generale clima di incertezza. Abbiamo già parlato, analizzando i dati pubblicati da Tecnocasa, che l’andamento del mercato immobiliare del Bel Paese è caratterizzato da una diminuzione della domanda, un aumento dell’offerta e dall’allungamento delle tempistiche di vendita.

case-vacanzeIl mercato delle case vacanze, invece, non aveva registrato drastiche riduzioni eppure, nel 2012 gli effetti della crisi si sono fatti sentire anche in questo settore.

“A risultare penalizzate” – commenta Nomisma in un comunicato stampa – “sono state sia le località più rinomate, in cui è prevalsa la spinta all’uscita opportunistica dal settore (redditività e fiscalità prospettica), sia in misura lievemente più attenuata quelle di “seconda fascia”, dove è invece la pressoché totale assenza di domanda, in parte legata al drastico ridimensionamento del credito al settore, ad avere accelerato il movimento ribassista”.

La maggior parte del mercato turistico, dunque, non sfugge al generale calo delle quotazioni immobiliari e, inoltre, vi sono poche differenze tra il mare e la montagna e tra il Sud e il Nord.

La causa principale del ridimensionamento del mercato turistico è dovuto alla percezione che l’investimento immobiliare rappresenti l’obiettivo privilegiato delle manovre di finanza pubblica. Gli italiani, vedono ancora nel mattone un investimento sicuro ma, i potenziali proprietari di case vacanza, oggi, respirano un aria di incertezza e di rischiosità, perciò, la percezione di sicurezza legata agli immobili caratterizza solo i potenziali acquirenti di prima casa.

Il tracollo registrato conferma l’assenza della domanda e lascia presagire un’accentuazione delle dinamiche recessive. Secondo le previsioni Nomisma, infatti, per i prossimi 12 mesi le compravendite caleranno del 4,8% e i prezzi di vendita diminuiranno del 4,5%.

Lascia un commento