I numeri degli immobili italiani venduti all’estero

Mercato Immobiliare

Nel 2012, secondo un report di ScenariImmobiliari, le famiglie estere che hanno comprato un immobile residenziale in Italia sono state 4600, il 13,5% in più rispetto al 2011 e per un totale di 2,1 miliardi di investimento. Un trend iniziato otto ani fa e che ha fatto registrare un incremento degli acquisti del 53%.

Tra le tipologie di immobili che più piacciono a chi acquista dall’estero in Italia vi sono i casolari da ristrutturare, gli appartamenti nelle città d’arte, le ville al mare o le case coloniche in campagna.

In quali regioni? Il presidente di Scenari Immobiliari, Mario Breglia, spiega genericamente che le regioni più richieste sono: la Puglia con una quota pari al 22% dello stock complessivo degli acquisti esteri, il Lazio con il 21%, la Toscana con il 16% e le Marche con il 15%.

La regione Toscana, nel passato era molto richiesta dagli stranieri ma con il tempo le quotazioni sono aumentate determinando, uno spostamento del flusso di acquirenti esteri verso altre aree del nostro Paese e verso le regioni limitrofe più convenienti: Marche e Lazio settentrionale. Nel 2005, infatti, il 30% degli investimenti immobiliari stranieri aveva come destinazione questa regione che comunque, oggi, è la preferita dagli investitori tedeschi.

Sono proprio gli investitori tedeschi in testa alla classifica degli acquirenti esteri e rappresentano il 40% di coloro che comprano gli immobili italiani. Tra gli investitori più attivi, però, vi sono anche gli inglesi (18%), i russi (13%) e gli americani (10%).

Gli acquirenti stranieri vanno a caccia dell’occasione giusta e pertanto, solo il 10-15% richiede immobili extralusso. Gli altri concludono operazioni sotto i 200mila euro oppure transazioni tra i 400 e i 700 mila euro.

Lascia un commento