Mutui casa: spread un po’ più bassi

Casa

Dal 27 aprile scorso, data in cui è tornato ad essere operativo il Fondo di Solidarietà per i mutui sulla prima casa, 2200 famiglie lo hanno utilizzato. Da quel 27 aprile la situazione economica non è cambiata molto ma qualcosa si sta muovendo nel settore dei mutui grazie alle offerte mirate che alcuni Istituti di Credito propongono.

Secondo i dati comunicati dall’Associazione Bancaria Italiana (ABI) è stato rilevato un abbassamento dei tassi ai minimi storici ed in particolare a giugno 2013, il tasso sui mutui concessi dalle banche alle famiglie per l’acquisto della casa, è risultato pari al 3,67%. Rispetto al giugno 2012, in particolare, è stata rilevata una variazione annua pari a -3,1%.

Questi dati, vengono confermati anche dall’Osservatorio di MutuiOnline.it, dal quale emerge un calo generale degli spread medi rispetto ai picchi rilevati tra gennaio e luglio 2012.

A distanza di un anno i tassi di riferimento delle banche sono ai minimi e alcuni istituti di credito hanno cominciato ad abbassare anche gli spread. Per confermare questa situazione basta confrontare le offerte di alcune banche e notare che molte propongono spread inferiori al 3% sia per i mutui a tasso fisso che per i mutui a tasso variabile.

Questo momento, dunque, dovrebbe essere preso in considerazione da coloro che volessero richiedere un mutuo per acquistare la prima casa.

Spread più bassi, comunque, non corrispondono ad una più facile concessione dei finanziamenti perché i problemi maggiori riguardano essenzialmente le garanzie richieste dalle banche ed i costi, ancora troppo elevati, degli spread applicati dalle banche. La situazione attuale, però, consente di scegliere tra una maggiore quantità di proposte di mutuo disponibili sul mercato.

Degli spread un po’ più bassi, potrebbero approfittarne anche coloro che hanno già acceso un mutuo. Come fare? La soluzione è rappresentata dalla surroga del mutuo, ossia dalla possibilità di trasferire la parte rimanente di un mutuo dalla banca presso cui lo si è acceso ad un’altra che propone condizioni migliori per il cliente.

Lascia un commento