Un buon momento per comprare casa

Comprare Casa

In questo momento di recessione economica conviene comprare un immobile. Questa affermazione potrebbe sembrare avventata ma, secondo gli esperti del settore è proprio questo il momento più adatto per comprare casa. Come abbiamo visto, infatti, i prezzi del mattone sono scesi, i tassi di interesse di riferimento sui mutui sono bassi e molti proprietari, pur di vendere, cercano di “accontentarsi” di un prezzo più basso.

I più avvantaggiati, ovviamente, sono coloro che possiedono già una disponibilità economica che gli consente di non rivolgersi alle banche per un prestito o di richiedere una cifra limitata. Non è una novità, infatti, che a bloccare il mercato immobiliare ed i potenziali acquirenti sia la stretta sui mutui. In base ai dati raccolti dall’Albi, in due anni la quota di acquisti sostenuti da mutui è passata dal 65,5% (primo semestre 2011) al 41,6% (primo semestre 2013) ed il loan to value è sceso fino al 62%. Se si riuscisse a superare lo scoglio mutui, dunque, l’operazione di acquisto potrebbe tradursi facilmente in un affare.

Meglio una nuova costruzione o l’usato?

I costruttori non possono abbassare in maniera significativa i prezzi di listino e perciò, i prezzi degli immobili usati sono un po’ più bassi. Questa tendenza è confermata dai dati Istat secondo i quali i prezzi dell’usato nell’ultimo anno sono scesi del 7,7% su base annua, quelli del nuovo solo dell’1,1%.

Gli immobili usati oltre ad avere un prezzo più basso (a parità di collocazione) sono maggiori e, dunque, il potenziale acquirente a suo favore ha la vastità dell’offerta. Gli immobili nuovi però, offrono maggiori garanzie. Il nuovo, infatti, viene costruito con materiali ed impianti all’avanguardia e con maggiore attenzione alla posizione. Queste caratteristiche incidono positivamente sui costi di riscaldamento e su quelli di raffrescamento. Inoltre, una nuova casa, non richiederà interventi di manutenzione nell’immediato.

Lascia un commento