Case Vacanze: prezzi in calo è questo il momendo per comprarle

Casa

Chi non sogna di acquistare una seconda casa al mare, in montagna o al lago per passare i weekend in relax e dove trascorrere le proprie vacanze?

Se state pensando di comprare una seconda casa questo sembra il momento giusto per farlo: dal 2007 infatti, anno in cui i prezzi degli immobili sono iniziati a calare, le case nelle località di villeggiatura hanno registrato un forte abbassamento per i prezzi degli immobili.

Stando ad un indagine di Tecnocasa infatti nelle località di montagna infatti il prezzo medio degli immobili è calato del 22%, le case vicino ai laghi invece dal 2007 hanno visto abbassarsi i propri prezzi del 19,8%, mentre le case nelle località di mare hanno avuto un abbassamento medio degli immobili di ben il 30,2%.

Al trend di abbassamento dei prezzi ha tuttavia corrisposto una diminuzione del valore degli immobili che nel 2013 è stata del 6,6% in meno per le località turistiche montane, del 5,7% in meno per quelle lacustri e delll’8,8% in meno per le località di mare. Tuttavia nonostante la diminuzione del valore degli immobili nelle località turistiche la compravendita immobiliare per le case vacanze è rimasta stabile intorno al 5% senza far registrate cali sensibili.

Sembra quindi che gli italiani non rinuncino alla casa per le vacanze, ma con la crisi economica e con la diminuzione del potere d’acquisto è solo cambiato il modo di sceglierla. Sembra infatti che gli italiani oggi si orientino all’acquisto di immobili per la villeggiatura in mete più di nicchia e meno famose rispetto ai luoghi cult dell’estate italiana dove i prezzi delle case spesso sono molto alti.

Ma chi acquista oggi le case vacanze? Dallo studio di Tecnocasa emerge che sono per lo più famiglie con età media tra i 45 ed i 54 anni. Inoltre l’81,5% dei compratori acquista la casa vacanza senza avvalersi di un mutuo.
Invece la tipologia di casa vacanza più diffusa è il trilocale, scelto dal 36,4% dei compratori seguito dal bilocale scelto dal 34,9%.

C’è da osservare poi come questa diminuzione dei prezzi degli immobili nei luoghi di villegiatura italiana abbia attirato molti compratori stranieri (soprattutto russim tedeschi e inglesi.

Lascia un commento